vetrate artistiche

Decorazione artistica del vetro e del cristallo

La maestria di un vetraio sta nella capacità di realizzare vetri e vetrate artistiche per arredare e dare personalità a qualsiasi ambiente, che si tratti di un’abitazione privata, di un negozio, di uno showroom o di un esercizio commerciale (ristoranti, bar, pub etc…). Grazie a una vetrata artistica, una semplice porta, una parete divisoria o un parapetto, possono diventare un elemento di arredo in grado di conferire carattere allo spazio in cui è posizionato.

 

Lavorazioni per vetrate artistiche e cristalli

 

Creare vetrate artistiche significa conoscere il vetro e saperlo maneggiare con cura per realizzare effetti particolari e unici. Con una struttura ben organizzata e un laboratorio dotato delle più moderne tecnologie per la lavorazione artistica del vetro e del cristallo, la Vetreria Chierese esegue decorazioni di vario genere su elementi di arredo, fra cui la molatura del vetro fino a 45 gradi.

 

Si realizza:

  • satinatura a decoro eseguendo l’operazione su una sola o su entrambe le facce. A Richiesta è possibile realizzare effetti di decoro di vario genere.
  • stratificazione che conferisce al vetro una maggiore resistenza creando nel contempo inediti effetti estetici con l’inserimento di reti metalliche, pellicole in PVC e tessuti per realizzare effetti unici.
  • smaltatura e verniciatura di vetri e vetrate per colorare, lucidare e creare sfumature dei piani in vetro e cristallo.
  • sabbiatura con esposizione del vetro all’effetto erosivo del getto di sabbia che realizza decorazioni, disegni e motivi particolari su lastre di vetro piano seguendo un disegno scelto in precedenza dal cliente.
  • legatura a piombo, tecnica che consente di realizzare vetrate artistiche di qualsiasi dimensione. Questa tecnica è diffusa per la creazione di vetrate artistiche per chiese, infatti, viene anche detta “tecnica cattedrale”. Questa permette di assemblare vetri di forme e colori differenti mediante la legatura a piombo creando immagini e composizioni.
Share by: